Le nostre #10S per il futuro dell’Italia 🇮🇹

Pochi sanno e ricordano che Milano ancora nel 2010 versava in una condizione di crisi, di mancanza di visione e di cattivo umore che durava da anni e sembrava irreversibile.

Gian Giacomo Schiavi lo ricorda e racconta bene nel suo ultimo libro “Meno male” nel quale riporta come il suo giornale, il Corriere della Sera, senti il dovere civile di promuovere un Manifesto “Speranza Milano,speranza Italia” nel quale 52 personaggi invitavano a pensare positivo e a scacciare la decadenza morale e civile della città .

Oggi a distanza di soli 7 anni da quella lodevole iniziativa Milano è decisamente rinata e come dice Aldo Cazzullo è oggi “l’unica città italiana di buon umore” , diventata per molti aspetti un modello da seguire non solo per le altre città italiane ma per molte capitali mondiali.

Un esempio per tutti : funzionari della città di New York sono stati a Milano per apprendere, studiare ed adottare le metodologie che Milano utiliza con successo nella raccolta dei rifiuti, superando città come Parigi.

Fatta questa breve ma doverosa premessa, noi di TBS da semplici cittadini liberi ed attivi che hanno a cuore il futuro dell’Italia, sentiamo oggi il dovere e , nel nostro piccolo, la responsabilità di proporre ai tantissimi che ci seguono, all’opinione pubblica e alle persone ed organizzazioni di buona volontà, una nostra agenda di temi partendo dai quali immaginare e realizzare una ri-nascita del nostro Paese oggi piombato in uno stato d’animo insieme preoccupato, depresso ed apparentemente senza alcuna prospettiva. Non un Manifesto ma una lista di 10 temi, 10 parole chiave da riempire di contenuti ma imprescindibili.

Noi come community abbiamo ovviamente solo la forza e la capacità di suggerire temi ed idee per il futuro ad organizzazioni politiche, sociali, editoriali, imprenditoriali che vogliano farle proprie, svilupparle e tradurle in obiettivi concreti e misurabili da realizzare al più presto per contrastare quella che appare oggi una deriva democratica, ideale e di prospettiva nella quale il nostro Paese sembra annegare.

Le nostre #10S sono ovviamente solo un punto di partenza di una proposta e di una discussione inclusiva e concreta che tutte le persone e le organizzazioni di buona volontà vorranno adottare per cercare di dare in modo sinergico ( una delle #10S) un futuro migliore a noi stessi, ai nostri figli e ai nostri nipoti.

Quello che è successo a Milano negli ultimi 8 anni non è ovviamente un “miracolo” o qualcosa di casuale e non lo invochiamo per l’Italia. É stato il risultato di una azione di governo della città e del territorio che ha visto agire in modo sinergico e condiviso tutta una serie di attori politici e non, sotto la regia di una Amministrazione Comunale che con Giuliano Pisapia ed il suo team di qualificati ed esperti Assesori, ha saputo dare un nuovo corso ed un nuovo volto alla città, culminato con il successo di Expo2015, che quasi tutti consideravano un ennesimo flop annunciato.

É stato il risultato di una azione di governo della città e del territorio che ha visto agire in modo sinergico e condiviso tutta una serie di attori politici e non, sotto la regia di una Amministrazione Comunale che con Giuliano Pisapia ed il suo team di qualificati ed esperti Assesori, ha saputo dare un nuovo corso ed un nuovo volto alla città, culminato con il successo di Expo2015, che quasi tutti consideravano un ennesimo flop annunciato.

La nostra attività e la nostra community è stata concepita ed incubata a Milano e non possiamo che augurare a noi stessi e al Paese che le nostre #10S possano avere lo stesso destino e funzione che ha avuto per Milano il Manifesto promosso dal Corriere della Sera.

Annunci

Le nostre #10S per il futuro dell’ Italia

Questo l’elenco dei 10 punti che, per noi, qualsiasi forza politica, sociale, sindacale e dirigente di buona volonta’ del nostro Paese dovrebbe far suoi ed opporre, in modo attivo, all’ attuale deriva razzista, populista e qualunquista.

🇮🇹 Sviluppo

🇮🇹 Sostenibilità

🇮🇹 Sicurezza

🇮🇹 Salute

🇮🇹 Scuola

🇮🇹 Servizi

🇮🇹 Sinergie

🇮🇹 Sovranazionalita’

🇮🇹 Scienza

🇮🇹 Solidarietà

In queste #10S c’è molta se non tutta la nostra visione del mondo.

10 semplici e chiari temi e parole d’ordine (che non hanno tra loro un ordine di priorità) che offriamo all’ attenzione di tutti coloro che vorranno farsene promotori ed attori.

Ultimo tema, ma non meno importante, è necessario cambiare il modo in cui ad oggi viene fatta informazione senza dare minimo spazio a buone notizie e pratiche che sole creano buon umore e futuro nella opinione pubblica.

Ecco il TG delle Buone Notizie🍏 2019 !

In questa scheda sono riassunte le modalità operative con cui realizzeremo la seconda edizione del TG delle Buone Notizie o #BrightTG realizzato direttamente dagli studenti.

Nome del progetto : #BrightTG o TG delle Buone Notizie 2018-2019

Strumento da utilizzare : La Scatola della Positività

Obiettivo del progetto : ripetere l’esperienza positiva del TG delle Buone Notizie lanciata nel 2018 ed essere più efficaci nelle relazioni tra scuole e partner.

Perimetro : durata 8 mesi da ottobre 2018 a maggio 2019 per Scuole Secondarie di primo grado e classi quinte Primarie.

16 Scuole partecipanti, 2 ogni mese, che ricercheranno e invieranno notizie audio su temi specifici.

Tutte le altre classi e scuole, che non rientrano nell’elenco delle 16 “ufficiali”, potranno comunque partecipare al progetto in autonomia, pubblicando le notizie sulla pagina FB della Scatola della Positività.

Partenza : Ottobre 2018

Adesioni : entro settembre 2018 per mezzo email tbspositivitybox@outlook.it

TBS contatterà alcune scuole che hanno partecipato con costanza l’anno scorso.

L’obiettivo, nei limiti della fattibilità, è di avere una distribuzione uniforme delle classi partecipanti sul territorio italiano.

La precedenza verrà accordata alle scuole che iscriveranno più classi.

Cosa deve fare ogni classe : ogni settimana, nel mese assegnato, le classi che appartengono all’elenco delle 16 ufficiali, invieranno un messaggio audio con 3 buone notizie, una locale,una nazionale ed una estera sul tema del mese, che verrà comunicato in anticipo. Questo messaggio verrà inoltrato a Radio 24,

che sceglierà le notizie da trasmettere, mentre le altre notizie raccolte dai bambini andrebbero postate dal/dalla docente sulla pagina FB della Scatola della Positività, in modoautonomo, con una foto del loro paese o della loro città.

Il mese successivo sarà compito delle altre due classi ricercare e inviare le notizie come descritto sopra e così per tutte le restanti classi.

-Ogni classe avrà l’impegno di:

-organizzare un evento di presentazione nel quale coinvolgere The Bright Side e i nostri partner o testimonial, anche via Skype.

-tenere una lezione di Positività alla settimana ed una relazione finale alla fine del proprio mese di ingaggio.

-Ogni scuola si impegnerà a piantare almeno 10 alberi e la Scuola che ne adotterà di più riceverà un premio a sorpresa da parte nostra.

Quali social usare : Facebook @positivitybox0

Cosa farà TBS dal centro : rilancerà le notizie sulla pagina FB di The Bright Side e sui canali Twitter di The Bright Side e Positivity Box.

Referente e Tutor : Mary Gioffrè @marygff , Coaching, crescita personale ed intelligenza emotiva.

Ideatore : Antonino Esposito come da punto ( 9) del Manifesto della Positività

Partner : Radio 24, Corriere della Sera, AlleyOop Sole 24 Ore, Radio Italia, Lifegate, Pubblicità Progresso, Treedom, Tonki, Comieco .

Cosa distinguerà il progetto : conseguire anche una serie di piccoli, grandi obiettivi civili ed educativi come ampliare la foresta che abbiamo creato l’anno scorso.

557 morti annegati nel Mediterraneo a Giugno

SONO 1.400 I MIGRANTI MORTI IN MARE NEL 2018 NEL MEDITERRANEO!
557 PERSONE SOLO NEL MESE DI GIUGNO!

VERGOGNA PER NOI TUTTI!

#averecontezza⏩

Gli italiani si dichiarano felici! Lo sapevi?

Più di 7 italiani su 10 si dichiarano felici sul @Corriere di oggi!
Noi ci “accontentiamo ” di essere positivi e di buon umore
con un’informazione che dia par condicio alle #goodnews!

Non saremo l’Islanda però siamo sulla buona strada. No?