Toronto, Italia e la Job Bank !

IMG_4863
IMG_4541
Dalle pagine interne di Ecocomia di Repubblica ci è stato segnalato questo articolo che illustra una best practice canadese che volentieri portiamo in  “prima pagina” alla vostra attenzione e che posteremo anche al Governo affinchè la conosca e la adotti!
IL PUNTO ROSARIA AMATO
Cercasi immigrato così il Canada attrae i lavoratori offrendo impieghi prima che arrivino
Il tutto funziona grazie alla Job Bank: un sistema annunciato anche in Italia ma di cui non si vede ancora traccia
Metti online il tuo curriculum, specifica se sei un professionista o un operaio qualificato, oppure preferisci un’occupazione nel commercio: a quel punto, se la tua qualifica risulterà interessante, ti contatterà in breve tempo un datore di lavoro per offrirti una delle 107.212 posizioni disponibili in questo momento. Però poi preparati a fare la valigia, perché la efficientissima banca dati di cui si parla non è italiana, è canadese. Mentre in Italia si aspetta ancora un sistema unico nazionale che permetta di far incontrare su tutto il territorio offerta e domanda di lavoro, il Canada ha deciso di mettere la propria ben collaudata Job Bank a disposizione anche degli aspiranti immigrati. Grazie a un nuovo sistema di accoglimento delle domande d’immigrazione, Express Entry, in vigore dal 1 gennaio di quest’anno, i lavoratori e professionisti stranieri hanno la possibilità di ricevere un’offerta di lavoro prima di arrivare in Canada (Quebec escluso). Non solo: appena ricevuta l’offerta, hanno 60 giorni per fare richiesta di residenza permanente, e la risposta arriverà al massimo in sei mesi, e includerà anche la famiglia del lavoratore se la domanda viene accolta. «Non cerchiamo solo ingegneri chiarisce Sarah Hayward, capo sezione immigrazione all’ambasciata canadese in Italia – le offerte riguardano moltissime posizioni, si va da meccanici, muratori, artigiani a medici, infermieri, informatici e ricercatori. Per quest’anno ci aspettiamo 285.000 domande da ogni parte del mondo».
Importante la conoscenza dell’inglese o del francese (ma la mancanza di una certificazione non impedisce di ricevere un’offerta se c’è un datore di lavoro disposto ad assumere). Non ci sono limiti di età, però si ottiene un punteggio maggiore, e quindi ci sono più chance, se si hanno tra i 20 e i 30 anni. «Il Canada è un Paese d’immigrazione», ricorda l’ambasciatore Peter McGovern, sottolineando che i rapporti con l’Italia sono di lunga data: «Toronto è la sesta città italiana, e una delle più grandi del Friuli, ci sono 90.000 friulani!».

foto 1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...