PMI italiane prime in Europa!

IMG_6016
Non per la nostra Politica e i nostri media!
Noi di TBS mettiamo in prima pagina, in copertina, la sintesi di Repubblica sul convegno dedicato a Roma da Fondazione Symbola proprio alle PMI .
Per Repubblica questa è una notizia da pagina 30!
LA RICERCA CNA-SYMBOLA
Innovative, verdi e di qualità Pmi italiane prime in Europa
ROSARIA AMATO
ROMA . Non sono la nostra zavorra, sono la nostra forza. Le piccole e medie imprese «sono nel Dna del nostro Paese», un Dna, sostiene il presidente di Symbola, Ermete Realacci, fatto di «innovazione, qualità, bellezza e green economy». Ecco perché non è il momento di crogiolarsi nella «rassegnazione o nelle retoriche del declino che rischiano di diventare profezie che si autoavverano», dice il segretario generale della Cna Sergio Silvestrini: serve piuttosto «un investimento sulle nostre specificità produttive e imprenditoriali ». Che sono tutt’altro che trascurabili: Cna e Symbola le hanno esaltate nel dossier “Le pmi e la sfida della qualità: un’economia a misura d’Italia”, presentato in un convegno al quale ha partecipato anche il ministro della Cultura Dario Franceschini. Le Pmi, sottolinea il dossier, primeggiano per qualità e innovazione: infatti l’Italia vanta nella Ue il maggior numero di prodotti con il più alto valore medio unitario al mondo: 255, contro i 196 della Germania, i 193 della Francia e i 188 del Regno Unito, segno che «il mercato ci riconosce, in virtù della qualità, i prezzi più alti». Accanto alla qualità, innovazione e creatività: su 32 classi europee di brevetto, in 22 l’Italia per numero di progetti depositati è prima, seconda o terza. Le Pmi italiane spiccano anche per innovazione in campo ambientale, e si distinguono anche sotto il profilo dell’export: tra le quasi 89.000 imprese manifatturiere esportatrici nove su dieci hanno meno di 50 addetti. Nel “piccolo” l’Italia eccelle, e infatti le Pmi italiane producono il 22,1% del valore aggiunto delle imprese manifatturiere Ue fino a 50 addetti. Ecco perché, conclude Realacci, sbagliano i tanti che «pensano che tra le cause del declino c’è la frammentazione produttiva e l’assenza dei grandi gruppi. Ecco, questo rapporto dimostra che indipendentemente o meno dalla presenza dei grandi gruppi le Pmi italiane sono un punto di forza della nostra economia ». Un patrimonio che però va adeguatamente valorizzato, anche con norme pensate su misura: «Nel nostro Paese le norme vengono sempre fatte per le aziende di grandi dimensioni. – chiede il presidente della Cna Daniele Vaccarino – Chiediamo quindi al governo e al Parlamento di cominciare a farle per le piccole e medie imprese».
Annunci

Un pensiero su “PMI italiane prime in Europa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...